logo fillide

il sublime rovesciato: comico umorismo e affini

elemento grafico

Il tema del prossimo numero: il grottesco
Call for papers: «Esistono due tipi di riso – scrive Milan Kundera – e noi non abbiamo parole per distinguerli l’uno dall’altro»: il diavolo ride dell’assurdità delle cose e l’angelo ne rimane contagiato. Vorrebbe ridere di gioia, rallegrarsi della bellezza del mondo, ma non gli riesce: emette un suono simile a quello del diavolo, ride, appunto, ma risulta decisamente comico, anzi grottesco. Come il riso dell’angelo, il grottesco promuove mescolanze e disarmonie, illumina deformità e stranezze, rivelando perfino una particolare estetica del brutto.
Partendo dall’idea di «realismo grottesco», elaborata da Bachtin, capace di dissipare la paura con il comico e di ridere dello spaventoso, e dalle riflessioni di Freud sull’eccesso e il perturbante, la riflessione critica sul grottesco rimane ancora aperta all’analisi e all’approfondimento.

Le proposte dovranno arrivare all’indirizzo redazione@fillide.it entro il 20.1.2022 e seguire le norme redazionali riportate di seguito. Immagini e disegni (nei formati jpg o tiff) dovranno avere una dimensione minima di 10 cm di base e una risoluzione di 300 dpi.
L’accettazione dei testi e delle immagini è sottoposta alla valutazione tra pari: le proposte vengono esaminate da quattro componenti della redazione o del comitato scientifico. Se la redazione lo ritiene opportuno ricorre a un esperto/a del settore. La pubblicazione avviene a titolo gratuito.

Tutti gli articoli sono pubblicati sotto licenza Creative Commons salvo diversa indicazione. Maggiori informazioni in merito https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/

NORME REDAZIONALI

Il testo proposto, in lingua italiana o tedesca, lunghezza massima di 30 mila battute per i saggi, 12 mila per i racconti, deve essere corredato da un breve abstract in lingua inglese (massimo 900 battute) e da una sintetica biografia dell’autore/autrice (massimo 300 battute).

1. Formati di testo

Formato
Il testo può essere inviato alla redazione nei formati comuni dei programmi di scrittura (doc, docx, odt).

Carattere, corpo del testo, paragrafo
Il carattere preferibile è Garamond, corpo 12. Il paragrafo sarà con interlinea singola e giustificazione (la sillabazione sarà a cura della redazione), nessun rientro a eccezione delle citazioni che superano le tre righe.

Va­rian­ti ­gra­fi­che
Corsivo: è riservato ai titoli di libri, articoli e ai termini stranieri, esclusi quelli d’uso comune.
Grassetto: per sottotitoli del saggio, non nel testo

Maiuscole / minuscole
Attenersi alla massima uniformità cercando di ridurre le maiuscole all’essenziale evitandole quando non significanti. In ogni caso, una volta compiuta una scelta, essa deve essere rispettata rigorosamente in tutto l’articolo.

Testo incolonnato
Nel caso in cui occorra presentare un testo su due colonne (ad es. versi in altra lingua affiancati da traduzione) si dovrà usare una tabella e non il tasto di tabulazione.

Zum Bei­spiel... Ad esem­pio...

Citazioni (v. 4.)

Note
Le note sono a piè di pagina e a esponente, secondo il formato standard del programma di scrittura. L’esponente della nota va inserito, senza spazi, dopo il termine interessato. Se segue un segno di punteggiatura l’esponente si pospone (esempi: Si tratta di una formula,2 più volte discussa.3 «Sono solo formule.»4). Per i riferimenti autoriali si prega di usare il sistema “all’americana” con cognome dell’autore che rimanda alla bibliografia. Il numero di pagina può essere inserito senza scrivere p. o pag. (cfr. Autore 2008, 25). Anche i link vanno inseriti come note.

2. Immagini

Invio
L’immagine va inviata separatamente e non inserita nel testo. Sarà cura della redazione inserire le immagini seguendo le indicazioni degli autori.

Formato, dimensioni
L’immagine potrà essere nei formati comuni (jpg, tiff, ecc). Dimensioni del file: risoluzioni 300 dpi, massimo 3 MB.

Numerazione
Una serie di immagini da inserire va numerata nel nome del file e secondo l’ordine desiderato ad es.: gitanti.jpg, lago.jpg, colle.jpg, vanno rinominati in: 01 gitanti.jpg, 02 lago.jpg, 03 colle.jpg, ecc. Nel testo invece si indicherà la posizione dell’immagine seguendo la numerazione, tra parentesi, così: (Fig. 1 gitanti) (Fig. 2 lago) ecc.

Didascalie
Le didascalie vanno inserite nel testo tra parentesi, accanto al riferimento di immagine in questo modo: (Fig. 1 – gitanti) (Dida: Delacroix, Gitanti in barca, 1889).

3. Punteggiatura

Accentazione
Si prega di rispettare la distinzione fra gli accenti gravi: cioè, è, sarà, lassù… e quelli acuti: né, sé, perché, affinché, poiché, giacché... Inoltre: È e non: E’.

Virgolette
Servirsi preferibilmente delle virgolette «caporali», mentre: «le virgolette “ad apice doppio” si possono usare all’interno delle citazioni».

Spazi
Dopo un segno di punteggiatura occorre sempre inserire uno spazio, esempi: non A.Manzoni ma A. Manzoni. Fanno eccezione i casi di parentesi aperte (esempio uno); o virgolette aperte «esempio due»; oppure doppia iniziale puntata: J.M. Keynes, a.C. o c.d., e simili. Due (o più) segni di punteggiatura consecutivi si scrivono uniti, ad es.: ecc.; oppure in chiusura di virgolette come in «esempio»; o parentesi (altro esempio); o anche in casi rari come: Devo proprio dirtelo «Vattene!»?

Trattini
Trattino breve (-), da usare solo per le parole composte: video-conferenza, treno Roma-Bari. 1885-87, ecc.; trattino medio (–), da usare per evidenziare incisi.

Parentesi quadre
Solo per riferimenti extratestuali come [N.d.T: ...], [N.d.A: ...] e per gli omissis […].

4. Citazioni normali e fuori corpo

Le citazioni brevi si inseriscono normalmente nel testo, con il medesimo carattere, tra virgolette basse, così: «Si definiscono fuori corpo le citazioni riportate come inserti distinti dal testo corrente [...]» (Lesina 2014, 250). Quando il passo citato supera le 3 righe, occorre andare a capo, inserire linea vuota, rientro a sinistra di 0,5 cm, ridurre in corpo 10, infine linea vuota. In questo caso non servono le virgolette. Esempio:

Si definiscono fuori corpo le citazioni riportate come inserti distinti dal testo corrente, normalmente rientrati rispetto ai margini della pagina […]. Per le citazioni fuori corpo non è necessario l’uso delle virgolette. (Lesina 2014, 250)

Queste citazioni rimandano alla bibliografia mediante riferimenti tra parentesi: Cognome autore e anno del testo citato, numero di pagina. Nei casi di più opere dello stesso autore uscite nel medesimo anno, si possono distinguere con lettera e ordine alfabetico. Es.: (Lesina 2014 a, 250) (Lesina 2014 b, 24).

Autori greci e latini
Per la citazione da autori greci si seguono di norma le abbreviazioni del Liddell-Scott, per gli autori latini quelle dell’Indice del Thesaurus linguae Latinae. Per tutti gli autori, sia greci che latini, le indicazioni di libri e capitoli vanno in cifre arabe, separate da virgole. Esempio: Thuc. 1, 2, 1 = Thuc. libro I, cap. 2, § I.

5. Bibliografia

La bibliografia verrà inserita a fine articolo, all’americana. Si avranno in successione: cognome autore/i (o curatore/i) seguiti dal nome intero, in formato Maiuscoletto (o normale), l’eventuale indicazione tra parentesi: (a cura di) seguita da virgola, poi l’anno di pubblicazione tra parentesi, il titolo in corsivo, il luogo di edizione, l’editore.

Esempi:
Lesina Roberto (2014), Nuovo manuale di stile, Bologna, Zanichelli. (Oppure normale: Lesina Roberto (2014), ecc.)
Mori Massimo (a cura di), (2002), Filosofi tedeschi a confronto, Bologna, Il Mulino. (Oppure: Mori Massimo (a cura di), (2002), ecc.)

Spe­ci­fi­che:

  • Lingua di pubblicazione: I dati vanno citati nella lingua in cui è pubblicato il testo: se si cita un volume non italiano pubblicato da un curatore, la dicitura «a cura di» diventerà «(éd.) o (éds.)» per i volumi in francese; «(ed.) o (eds.)» per i volumi in inglese; «(Hrsg.)» per quelli in tedesco.
  • Autori vari: se gli autori sono fino a tre, citarli tutti di seguito inframezzati da virgola, se sono di più si mantiene il primo autore seguito dall’indicazione: et al. quando uno stesso autore viene riportato più di una volta, viene ripetuto)
  • Riviste: Quando lo scritto cui si fa riferimento è inserito in una rivista, al titolo in corsivo seguirà la virgola, il “nome della rivista” tra virgolette a doppio apice, l’annata del fascicolo, l’eventuale indicazione di pagina.
  • Riedizioni: si indicano con numero arabo in esponente accanto all’anno.
  • Traduzioni / Originali: All’opera riportata in versione originale (non in traduzione) può far seguito l’indicazione della traduzione italiana oppure, viceversa, all’edizione italiana può seguire l’indicazione della versione in lingua originale.
  • Atti: gli atti dei convegni, congressi si considerano come libri e vanno quindi in corsivo; gli atti di società, istituzioni, ministeri a cadenza periodica si assimilano alle riviste e vanno in tondo tra doppi apici.

6. Segnalazioni

Il titolo della segnalazione è composto dal nome dell’autore, dal titolo del libro, dalla città, dall’editore e dalla data, tutti separati da virgole; nome e cognome dell’autore della recensione seguono tra parentesi. Non sono ammesse le note.

7. Interviste

Nelle interviste la presentazione deve essere scritta in corsivo, domande e risposte non in corsivo.

8. Abbreviazioni

Il ri­cor­so alle ab­bre­via­zio­ni è ob­bli­ga­to­rio nel­l’ap­pa­ra­to di note. At­te­ner­si, per quel­le qui ru­bri­ca­te, alle forme sug­ge­ri­te. Di norma, il plu­ra­le si ot­tie­ne rad­dop­pian­do l’ul­ti­ma con­so­nan­te.
Esem­pi: artt. = ar­ti­co­li; a.C. = avan­ti Cri­sto; ad es. = ad esem­pio; Bd. = Band; ca. = circa; cap. = ca­pi­to­lo; cfr. = con­fron­ta; cit. = ci­ta­to; d.C. = dopo Cri­sto; ecc. = ec­ce­te­ra; éd. = édi­tion, édi­teur; ed. = edi­zio­ne, edi­tion, Edi­tor, edi­tioedi­tor; éds. = édi­teurs; eds. = Edi­torset al. = et alii (c.​vo); fig. = fi­gu­ra; Hrsg. = He­rau­sge­ber; Ibid. = Ibi­dem (c.​vo); Id., Ead. = Idem, Eadem; n. = nota; N.d.A. = nota del­l’au­to­re; N.d.C. = nota del cu­ra­to­re; N.d.T. = nota del tra­dut­to­re; in ge­ne­re non serve scri­ve­re p. e pp. per in­di­ca­re i nu­me­ri di pa­gi­na; p. es. = per esem­pio; s. e ss.= se­guen­te e se­guen­ti (e non seg. e segg.); t. = tomo; trad. = tra­du­zio­ne.